Zippo guida al collezionismo e come riconoscere i falsi

Gli accendini Zippo sono stati prodotti per la prima volta nel 1932 mantenendo quasi immutata forma e funzionamento fino ai giorni nostri.

Elemento caratteristico della produzione, è l’utilizzo di un codice sul fondello di ciascun accendino, che ne identifica l’anno di costruzione.
Con questi dati e usando un’apposita tabella riusciremo a capire in che anno è stato prodotto il nostro accendino e con un pò di accortezza, di capire se è un falso.

Il nome Zippo deriva da un prodotto di grande successo negli anni 30, la cerniera lampo, che in inglese si chiamava Zipper.

In pochi sanno che La ZIPPO ripara un accendino rotto GRATIS e SEMPRE

Occorre soltanto farsi carico delle spese di spedizione. 
I costi di riparazione e le spese di restituzione sono a carico della ZIPPO.
Chi vuole avvalersi del servizio deve scaricare il seguente modulo.

zippo eaton

Zippo del 1958 marchiato Eaton

Se l’accendino non fosse riparabile, verrà sostituito con uno dello stesso valore sempre gratuitamente. Quindi se l’accendino che mandiamo in riparazione ha per noi un valore affettivo dovremo chiedere che non venga sostiruito

.

Sostituzione della pietrina

  • Usare sempre pietrine originali.
  • Estrarre la caldaia dalla cassa.
  • Svitare la vite con le mani.
 Se è dura da svitare aiutarsi con il coperchio della cassa.
 Fare attenzione a non far saltare via la molla.
  • Estrarre ciò che rimane della vecchia pietrina.
  • 

Inserire la nuova pietrina.
  • Riavvitare.
  • Inserire la caldaia nella cassa nel verso corretto.
caldaia

La caldaia di uno Zippo d’epoca

Qui un video dimostrativo sulla sostituzione della pietrina.

Ricarica

Esiste un’unica modalità ufficiale per la ricarica, anche se molti ricaricano lo ZIPPO a modo proprio.

  • Usare solo benzina originale

.
  • Togliere la caldaia dalla cassa.
  • 

alzare la leva di scatto.
  • Capovolgere la caldaia ed inserirla nella cassa.
  • Sollevare la spugnetta.
  • 

Immettere benzina per 5 secondi.
  • Attendere qualche secondo per l’assorbimento.
  • Immettere altra benzina per 5 secondi.
  • Riposizionare la spugnetta.
  • Estrarre la caldaia e ricapovolgerla.
  • Portare in basso la leva di scatto.
  • 

Reinserire la caldaia nella cassa in posizione corretta.
zippo fondello

Quattro punzonature per lato, il logo Zippo con la Z di Zorro: questo Zippo è del 1958

Qui potrete vedere un video sull’argomento

Come riconoscere uno Zippo contraffatto

Nonontante Zippo protegga il proprio Trademark con determinazione il mercato di questi accendini è contornato di falsi a volte non facilmente distinguibili dagli originali.tabella

Uno Zippo contraffatto si riconosce dal fondello, se ha la punzonatura approssimativa o incongruente con il logo (vedere tabella).

A volte i falsi sono leggermente più alti e sottili.

Il rumore all’apertura del coperchio è molto caratteristico e i falsi non lo riproducono nello stesso modo.

Il coperchio di un originale si apre a circa 45°, in quelli contraffatti spesso arriva a toccare la cassa.

Il fumaiolo deve avere 16 buchi.

Il supporto della pietrina deve essere in ottone e non in acciaio.

Per concludere alcune utili risorse per approfondire l’argomento:

Zen Lighter Club la principale community internazionale
Zippo Club Italia
Zipposhop la pagina ufficiale di Zippo Italia

Clicca qui per vedere prodotti simili che potrebbero interessarti.


Potrebbero interessarti anche...

12 Risposte

  1. Ninja99 ha detto:

    Mi piacerebbe uno Zippo Vietnam ma mi hanno detto che sono tutti falsi quelli che si trovano su internet

    • Riccardo Riccardo ha detto:

      I Vietnam come i WW2 sono tra i più rari. E’ vero i falsi sono la maggioranza ma tieni conto che per un originale ci vogliono anche più di 1000€

    • ludovico ha detto:

      ma non dite cavolate, io sono riuscito a prenderne uno originale fatto periziare da un ragazzo che ne aveva uno per caso a 150 euro. e un altro a 100. poi ne ho qualcuno falso comprato su ebay ma fa nulla

    • Maycol ha detto:

      Io ne ho uno e sopra è inciso anche il nome del militare che suppongo ne era il proprietario e c’è anche una data e un incisione di una frase in inglese… ma sul fondo non ci sono tacche ma una serie di numeri preceduti da una scritta PAT penso sia originale sapete da chi si può far valutare?

  2. Romano ha detto:

    Ciao,
    una diceria asseriva che il numero superiore delle tacche sul fondello indicasse la proprietà maggiore di potersi accendere contro vento, la stessa ZIPPO l’ha smentito ma la diceria continua ……chissà se è vero oppure no.

  3. Riccardo Riccardo ha detto:

    La policy di questo blog non prevede che i lettori usino gli spazi per commentare gli articoli, come mezzo per promuovere la vendita di prodotti o servizi. Tutti i commenti di questo tipo verranno moderati.

  4. Fabio ghighi ha detto:

    Buonasera.io ho uno zippo reddy kilowatt fatto(secondo la tabella del vostro sito)dal 1950 al 1957.è nella sua scatola originale immacolata e non è mai stato acceso.sarei curioso sapere quanto vale

    • Riccardo Riccardo ha detto:

      Ciao,
      Ho in parte moderato il tuo post perché la policy del sito non permette di mettere annunci di compravendita e scambio. Per la tua richiesta ti conviene scrivere nel forum che cito nell’articolo o nella loro pagina facebook

  5. Pieraldo ha detto:

    Salve,ho uno zippo che risale alla guerra della Corea del Sud originale mai usato,sarebbe possibile una valutazione?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *