Come pulire gli Auricolari Bluetooth

Gli auricolari Bluetooth, i cosiddetti Earbuds, sono ormai un device di uso comune. Perlopiù abbinati allo smartphone, indossarli è anche uno status symbol (vedi gli Earpods di Apple). In commercio ormai se ne trovano un’infinità, dal costo che va da pochi euro ad alcune centinaia.

Come pulire gli auricolari bluetooth senza rischiare di danneggiarli

Scopri i migliori auricolari bluetooth in offerta su Amazon!

La maggior parte degli earbuds sono del cosiddetto tipo “In Ear”. Questo vuol dire che vengono inseriti direttamente nell’orecchio dell’utente, con tutti i pro e contro del caso.
Tralasciando i vantaggi relativi alla qualità sonora e confort, l’auricolare In Ear con l’uso tende a sporcarsi molto
Aspetto igienico a parte, che non è da sottovalutare, visto lo sfortunato periodo che stiamo attraversando, lo sporco che gli auricolari accumulano con l’uso, è deleterio per il loro corretto funzionamento.

Le operazioni sotto descritte potranno essere occasionali, se utilizzate poco gli auricolari. Nel caso di un uso intensivo, bisognerà intervenire più spesso.

Quali strumenti utilizzare

La pulizia è necessaria ma bisognerà usare una certa attenzione per non danneggiarli.
Gli strumenti necessari per pulire gli auricolari bluetooth:

  • Panno in microfibra
  • Pompetta ad aria
  • Cotton fioc
  • Spazzolino nuovo
  • Stuzzicadenti
  • Nastro adesivo da pittore

Non usare aria compressa, la pressione potrebbe danneggiare alcuni delicati componenti.

Di solito è presente una parte morbida sostituibile (di varie misure) che serve per mantenere stabile l’auricolare nell’orecchio. Questa è l’unica parte che possiamo lavare con un detergente liquido poco aggressivo.

attrezzatura per pulire gli auricolari bluetooth

Amazon! tutte le offerte di Oggi!

Una pulizia fatta con cadenza regolare eviterà molti problemi

Per pulire gli auricolari bluetooth, si comincia pompando aria sulla grata degli altoparlanti e attraverso i fori dei microfono, per togliere la sporcizia più leggera.
Evitare di soffiare con la bocca, c’è il rischio che goccioline di saliva penetrino all’interno degli auricolari.
Successivamente si passa uno stecchino da denti lungo i bordi, per grattare via lo sporco dove la pompetta non è riuscita.
Purtroppo l’accumulo di cerume è la principale causa di malfunzionamento. Questo va facilmente ad otturare i fori dei microfoni e le grate degli speakers.

Galaxy Buds Plus, sporcizia accumulata in poche ore di utilizzo

L’operazione di pulizia andrà fatta con i fori e le cavità rivolte verso il basso, posizione che aiuterà la sporcizia a cadere fuori.

Alcuni auricolari hanno una parte in materiale morbido solidale con il resto. Per pulire questa parte usate uno spazzolino da denti nuovo e asciutto.
Prima di terminare, diamo un’ulteriore soffiata con la pompetta. Successivamente, con una striscia di nastro adesivo di carta, premiamo gli angoli e le superfici che sembrano ancora sporche. La sporcizia residua, rimarrà attaccata alla parte adesiva del nastro.

Tutto qui; un’operazione che richiede pochi minuti, ma indispensabile per mantenere in salute i nostri earbuds.
Se avrete posizionato uno straccio o della carta nello spazio usato per le operazioni di pulizia, resterete meravigliati dalla quantità di sporco uscita dai vostri device.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.