Tascam DR 40 X Recensione

Tascam DR-40-X è un registratore multi traccia portatile, di media categoria. Si rivolge a musicisti, podcasters oppure ad appassionati di registrazioni ambientali. Dotato di due ingressi Phantom, ha alcune caratteristiche esclusive, ma anche qualche difetto fastidioso.

Tascam DR 40 X, è l’evoluzione del precedente DR-40 uscito quasi nove anni fa

Guarda l’offerta Amazon relativa a questo registratore.

Per essere un prodotto presentato di recente, dal DR-40X ci si aspetterebbe di più.

Rispetto al DR-40, cambiano, la grafica e l’illuminazione del display, la compatibilità con schede SD fino a 128Gb (32 per il DR-40). Inoltre, il DR-40x può essere utilizzato come scheda audio per PC e Mac, nonchè dispositivi iOS. Anche la Mini USB è stata sostituita con una già obsoleta Micro USB.

Costruzione e disposizione comandi

Gli amanti delle cose fatte bene rimarranno piuttosto delusi sotto questo aspetto. Il Tascam DR-40-X è fatto interamente di plastica rigida e dall’aspetto economico. Economici e poco morbidi nell’uso anche i vari pulsanti, soprattutto quelli laterali. Curato invece il display, ben leggibile e con una gradevole illuminazione azzurrina. Di buon aspetto anche i due microfoni orientabili (di plastica pure loro).

La cosa che più mi ha lasciato a bocca aperta è la filettatura per il treppiede nella parte inferiore. Pur essendo in metallo, il particolare è quasi totalmente privo di finitura. Sembra tagliato con un seghetto e montato senza essere stato minimamente rifinito. Il risparmio è sicuramente stato uno degli obiettivi di chi ha progettato questo registratore. 

I microfoni, protetti da due roll bar in metallo, sono orientabili, da configurazione XY a AB. I due ingressi Phantom nella parte inferiore accettano microfoni dinamici e a condensatore, un mixer o addirittura strumenti come chitarra o basso. Non esiste ingresso microfonico con jack da 3,5mm ma solamente un’uscita cuffia – linea in questo formato.

Il coperchio del vano batterie è messo a pressione e per il momento sembra essere abbastanza solido. Una piccola griglia fa percepire la presenza di un altoparlante.

Il Tascam DR-40-X è piuttosto grande, sebbene sia ancora considerato un registratore palmare. Il peso invece, anche con le batterie inserite non è elevato. Le dimensioni sono 70 x 155 x 35 e pesa di 213 g.

Dai un’occhiata alle offerte Amazon del momento.

Principali funzioni e modalità di utilizzo

Al di la dell’aspetto economico il Tascam DR-40-X è un registratore piuttosto versatile. I microfoni incorporati possono passare rapidamente dalla configurazione XY a AB  e alla massima apertura sono in grado di ricostruire un’immagine stereo piuttosto convincente.

Il Tascam può registrare, oltre che dai sopracitati microfoni da microfoni esterni collegati alle due prese Phantom. Queste sono in grado di fornire alimentazione a 24 oppure 48v. La registrazione, può avvenire contemporaneamente da tutti e quattro gli ingressi.

I formati di registrazione sono MP3 fino a 320 Kb/s e WAV/BWF (fino a 24-Bit/44.1/48/96 kHz)

Le modalita di registrazione, sono le seguenti:

  • Stereo sia con microfoni interni che esterni
  • Mono, attraverso i microfoni interni oppure un mic esterno collegato alla presa XLR L
  • dual, viene registrata una seconda traccia di backup con un livello più basso
  • 4ch dai microfoni interni più 2 esterni
  • Sovraincisione:  registra sopra una traccia preesistente e lascia la possibilità di lasciare la traccia originale invariata.

E’ possibile impostare un filtro passa alto a 40/80/120 Hz per eliminare rumori di fondo a bassa frequenza.

Il Tascam DR 40 X dispone anche di alcuni effetti,. da utilizzare in fase di riproduzione e un comodo, per i musicisti, accordatore per chitarra. Peccato che funzioni solo attraverso i microfoni esterni.

Il Tascam può essere usato come scheda audio esterna sia con PC che Mac o dispositivo iOS. Basta connetterlo alla USB e viene riconosciuto automaticamente. Questa è una funziona molto comoda alle quale difficilmente si riesce a rinunciare.

Anche la registrazione nella modalità Dual, una volta provata diventa irrinunciabile. In  questo modo, infatti, il Tascam DR 40 X registra una traccia di backup ad un livello più basso (-6db ma impostabile fino a -12) rispetto a quello, scelto dall’utente. Una funzione utilissima che consente di salvare delle registrazioni quando, per errore, è stato impostato un livello troppo alto. 

L’alimentazione può avvenire tramite tre AA alkaline o Ricaricabili NiMh, oppure tramite la Mini USB, sia da PC che da un eventuale Power Bank.

Qualità audio e prestazioni del Tascam DR 40 X 

La qualità audio ottenuta attraverso i microfoni interni è molto buona. Sono microfoni estremamente sensibili e sarà necessario proteggerli con un filtro anti vento. Molto evidente la separazione stereo portando i microfoni in configurazione AB. Un difetto fastidioso è l’estrema sensibilità ai segnali di radio frequenza. Quando si utilizzano i microfoni interni, cellulari e wifi vari dovranno essere tenuti spenti o almeno a qualche metro dal Tascam.

Per chi è interessato ai connettori XLR è necessaria una precisazione. Utilizzando microfoni di tipo dinamico, con alimentazione Phantom a 48v, i preamplificatori del Tascam non si comportano bene e producono molto rumore di sottofondo. Tanto più che in caso di microfoni poco sensibili bisognerà alzare il gain e le cose peggioreranno ulteriormente. In caso vengano collegati microfoni a condensatore, la situazione migliora sensibilmente. Se non si è costretti ad usare microfoni dinamici, consiglio senza esitazioni di scegliere quelli a condensatore.

Sul fondo del registratore è presente un piccolo altoparlante attivabile a piacimento. Il suono che produce è estremamente basso e serve giusto per far capire se si è registrato qualcosa.

Le mie conclusioni sul Tascam DR 40 X

Il Tascam DR-40-X mi ha lasciato un pò perplesso. A fronte di un prezzo competitivo e a delle caratteristiche di tutto rispetto, presenta sia grandi pregi che difetti importanti:

  • L’ottima qualità di registrazione ottenuta con i microfoni interni e con quelli esterni a condensatore.
  • La modalità Dual che permette di avere una copia di backup registrata ad un livello più basso.
  • L’interfaccia audio con PC Mac iOS.
  • Autonomia soddisfacente e possibilità di essere alimentato con un Power bank.
  • Non gli perdono la facilità con cui subisce interferenze da cellulari, wifi e persino dispositivi Bluetooth. Il problema sembra essere relegato all’uso dei microfoni interni ma è comunque un difetto importante.
  • Preamplificatori degli ingressi XLR rumorosi. In questa categoria di prezzo è abbastanza normale che succeda. Modelli concorrenti, come lo Zoom H4N Pro hanno lo stesso difetto ma meno accentuato.
  • Sarebbe gradito un ingresso mic da 3,5mm
  • Costruzione eccessivamente economica.

Nonostante tutto, mi sento di Consigliare il Tascam DR 40 X perché in questa categoria di prezzo non ci sono molte alternative. Il suo diretto concorrente lo Zoom H4N Pro ha un tempo di accensione intorno ai 20 secondi, contro un’accensione quasi istantanea del Tascam. I suoi microfoni interni non sono orientabili quanto quelli del DR 40 X, inoltre l’autonomia è molto più scarsa. Anche il prezzo è più alto di circa il 20/30%.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *