Third Thumb, un terzo pollice per estendere le capacità del corpo

Girellando per Internet mi sono imbattuto in questa originale idea di una progettista e designer Neozelandese che vive a Londra, Dani Clode.

Si chiama Third Thumb. Un terzo pollice che non è stato creato come una protesi per ovviare a qualche mancanza fisica. Nasce invece come come protesi migliorativa per aggiungere capacità al corpo umano.third-thumb

E’ ancora un prototipo ma le funzionalità sono sbalorditive.

Third thumb è stato realizzato tramite stampa 3D

Si indossa con una cinghia sul lato della mano, sotto il mignolo e viene collegato ad un braccialetto che contiene i tiranti e servo motori che ne consentono il movimento.third thumb

L’utilizzatore controlla il movimento del terzo pollice tramite sensori a pressione sotto i piedi connessi al braccialetto via Bluetooth. Il modulo Bluetooth e la batteria sono ancora posticci e nella versione definitiva dovrebbero avere un aspetto più razionale.third-thumb

Alternando la pressione verso il basso o l’alto, muovendo i piedi, si comanda la protesi.
Può sembrare complicato, ma secondo Dani Clode con l’abitudine diventerà un movimento naturale.
Dal filmato si può vedere che è in grado di svolgere azioni piuttosto complesse e sembrerebbe anche dotato di una certa forza.

Dai un’occhiata alle stampanti 3D in vendita su Amazon

Tweet 20
fb-share-icon20

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *